Cosa si intende quando si parla di hashish?

hashish

L’hashish è una sostanza che viene estratta dalle cime dei fiori di cannabis che precedentemente vengono essiccati, infatti può essere ottenuta da dei cristalli che si trovano sui bordi esterni della pianta. La resina visibile e presente al loro interno, una volta che sarà prelevata, può essere separata e compressa in blocchi compatti. Per produrre hashish si deve separare la resina dalle foglie, prima va fatta essiccare e raffreddare la pianta. Subito dopo va filtrata la pianta. I piccoli granelli della resina andranno via dal setaccio. Poi, tutto sarà ridotto in una polvere, a mano o pressando. Poco dopo, uscirà un olio che la renderà compatta facendola diventare a forma di blocco marroncino.

Quali qualità possiede l’hashish?

L’hashish è forte, perché ha una concentrazione THC molto più alta. L’hashish potrà essere consumato in tanti modi, in soluzione di tabacco o vaporizzando per inalazione. Inoltre, l’hashish puro ha un livello di THC massimo che oscilla tra il 25% e il 30%.

Quali sono gli effetti a breve termine dell’hashish?

Visto che l’hashish ha elevate quantità di THC, vedremo che i consumatori possono provare diversi effetti in modo intenso, quali:

  • Distorsione della percezione del tempo;
  • Sensazione di relax;
  • Aumento dell’appetito;
  • Aumento della frequenza cardiaca;
  • Ansia;
  • Diminuzione della coordinazione motoria.

Tanti altri potrebbero subire problemi nel concentrarsi a lungo termine, oppure avere brutte reazioni psicologiche, come degli stati paranoici e ansia. Delle dosi molto più elevate di hashish possono anche produrre reazioni di paura e allucinazioni visive e uditive.

Quali sono gli effetti a lungo termine dell’hashish?

Gli utenti che fanno uso di hashish possono incappare in problemi a lungo termine, perché se preso in dosi non legali, col tempo, potrebbe apportare danneggiamenti ai polmoni e aumentare il rischio di malattie respiratorie. Anche una diminuzione delle capacità di ragionamento cognitivo, cambiamenti ormonali e dipendenza fisica.

Hashish legale

Oggi, l’hashish legale, si può trovare per merito delle alte percentuali di CBD, infatti viene utilizzato e consigliato per rimediare allo stress, l’insonnia, l’ansia e alle patologie che sono correlate al sistema emotivo e nervoso. Sullo shop di Justcanapa è possibile trovare molteplici essenze legali, come il Burbuka, il Charas e il Ketama. Il Burbuka è un hashish CBD che ha una colorazione scura simile a quello marocchino e un aroma che riporta alle origini dell’hashish. Il Charas, invece, ha un colore nero all’esterno, verde scuro e marrone all’interno. Il suo odore è caratteristico, quasi piccante, mentre il gusto è aspro simile a quello afgano, ha una consistenza molto morbida, si impasta facilmente ed è talvolta polveroso anche se sempre denso e compatto, i suoi effetti sono cerebrali e fisici. Infine, il Ketama, hashish di origine marocchina, ha aroma e sapore dolce, si ottiene dalla setacciatura a secco di cannabis sativa, di Kompolti e Silva. Questo è un tipo di hashish in polvere, chiamata polline, proviene dalla resina di Canapa legale al 100%, è di alta qualità. È un tipo di hashish che risulta essere tra i più puri.

I diversi tipi di hashish

Ci sono veramente tante tipologie di hashish, con diversi gusti, forme o consistenze diversi. Vediamo quale tipologie esistono:

  • Nepalese, hashish che produce degli effetti medio-alti. Raccolto e pressato a mano. Ha una colorazione nera esterna e marrone scuro al suo interno. Aroma speziato, con note floreali. Tipologia sativa, ma ci sono versioni ibride che hanno modificato la natura dell’hashish;
  • Marocchino, hashish di colorazione tra il verde e il marrone chiaro. Il gusto è leggero rispetto a tutti gli altri tipi, conferisce effetti più cerebrali e attivi;
  • Libanese, tipologia di hashish coltivato nella valle di Baalbek, quasi industrialmente, ci sono due tipi di hashish libanese: giallo e quello rosso, quest’ultimo ha piante che più mature, difatti ha una colorazione tra il marrone / ambrato dei tricomi. Questi hashish conferiscono un sapore molto piccante, con consistenza molto più forte del marocchino. L’effetto, anche per tale tipologia, sembra cerebrale e più sballato rispetto alla tipologia marocchina, ma senza essere più forte. Il giallo libanese, invece, dà più sballo del rosso, perché il rosso ha più CBD a causa del suo invecchiamento;
  • Afgano, questo è un hashish di tipologia indica ed è piuttosto aromatico. Ha una colorazione che cambia dal nero all’esterno al verde scuro o al marrone al suo interno. L’hashish afghano è molto forte, sia per gli effetti, ma anche per il gusto.